fix bar
fix bar
fix bar
fix bar
fix bar
fix bar

L’oncologo incontra l’endocrinologo

image
 

L’oncologo incontra l’endocrinologo


Responsabile scientifico: Dott. Antonino Iaria -

L’Oncologia moderna deve affrontare e deve intervenire in tutte le fasi della malattia neoplastica, che non deve essere considerata come qualcosa a se stante e come tale trattata, ma deve essere vista invece nella sua globalità, comprese le interferenze, di solito pesantemente negative, a carico di altri organi e apparati e della sfera psico-emotiva. Oncologi che si confrontano e discutono con gli altri specialisti, per essere pronti e disponibili per una presenza congiunta accanto al paziente.


PROVIDER ECM
L'Orsa Maggiore srl (2546)
ID Evento: 242837



19 dicembre 2018
Melito di Porto Salvo (RC)
Sala Congressi ex mercato coperto

Target di riferimento:
  • Medico-chirurgo Discipline di riferimento: Anestesia e rianimazione, Cure Palliative, Medici di Medicina Generale, Medici della continuità assistenziale, Cardiologia, Farmacologia e Tossicologia clinica, Geriatria, Igiene Epidemiologia e Sanità pubblica, Medicina e Chirurgia di accettazione e di urgenza, Medicina Legale, Medicina Interna, Oncologia, Radiodiagnostica, Radioterapia, Chirurgia Generale, Gastroenterologia, Malattie dell’Apparato Respiratorio, Anatomia Patologica, Patologia Clinica (laboratorio di analisi chimico-cliniche e microbiologia), Endocrinologia.
  • Farmacista Discipline di riferimento: Farmacia ospedaliera, Farmacia ospedaliera
  • Infermiere

Numero max di partecipanti: 50
Durata: 6 ore
Crediti ECM: 6

Obiettivi Nazionali di riferimento: integrazione interprofessionale e multiprofessionale, interistituzionale – area obiettivi formativi di processo

Quota di Partecipazione: gratuita

📕  Programma del Corso

📅  ICS Calendar



RAZIONALE DEL CORSO
Il corso si propone di inquadrare correttamente le dipendenze patologiche tra etica e scienza, valutando i vari aspetti giuridici, sociali, terapeutici e ricreativi di varie sostanze psicoattive.

In particolare, la cannabis, attualmente in Italia, è al centro di accesi dibattiti dopo il consenso legale all’uso per scopi terapeutici. Si stima che l’uso della cannabis in tutte le latitudini è per il 90% a scopo ricreativo e per il restante 10% per uso terapeutico principalmente come antidolorifico.

Ciò nondimeno, altre sostanze psicoattive e dannose per la salute vengono largamente consumate nelle popolazioni in quanto socialmente e legalmente accettate; prenderemo quindi in esame altre dipendenze patologiche (da oppiacei, da tabacco, da alcool) con le implicazioni e i danni per la salute ad esse correlati.

L’evento è programmato per guidare il partecipante nei percorsi diagnostico-clinico-terapeutici relativi alle più frequenti tossicodipendenze, in modo tale che possa acquisire le competenze necessarie per una gestione esaustiva delle stesse, nei limiti delle varie possibilità.